Home

- Dipartimento

- Staff
- Centro Calcolo
- Biblioteca
- Laboratori
- Tariffario
- Amministrazione
- Downloads


Didattica


- Docenti

- Offerta didattica
- Calendario attività
- Orario lezioni
- Calendario esami
- Calendario lauree
- Esame inglese I
- Tesi


Dottorato


- Info amministrative

- Scuola di dottorato
-Tesi

Servizi per gli Studenti

- Avvisi
- Modulistica
- Attività
- Tirocini


Siti di interesse

- Associazioni
- Cantieri navali


Siti di interesse

- Associazioni
- Cantieri navali


 
Offerta Didattica

Corso di Laurea in Ingegneria Navale
(Classe delle Lauree in Ingegneria Industriale - n.L-9)


La laurea in Ingegneria Navale ha come obiettivo formativo la preparazione di laureati con adeguata conoscenza delle discipline scientifiche di base, nonché specifiche competenze professionali nell'ambito dell'Ingegneria Navale. In particolare l'obiettivo del Corso di laurea in Ingegneria Navale è quello di fornire ai laureati le seguenti conoscenze e capacità: adeguata conoscenza degli aspetti metodologico-operativi della matematica e delle altre scienze di base e capacità di utilizzare tali conoscenze per interpretare e descrivere i problemi dell'Ingegneria Navale; adeguata conoscenza degli aspetti metodologico-operativi delle scienze dell'Ingegneria, sia in generale, sia in modo approfondito, relativamente a quelli dell'Ingegneria Navale e capacità di identificare, formulare e risolvere i problemi utilizzando metodi, tecniche e strumenti aggiornati; capacità di utilizzare tecniche e strumenti per la progettazione di componenti, sistemi, processi; capacità di condurre esperimenti e di analizzarne ed interpretarne i dati; capacità di comprendere l'impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e fisico-ambientale. Il laureato in Ingegneria Navale dovrà inoltre essere in grado di utilizzare almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'Italiano, ed essere in possesso di adeguate conoscenze che permettano l'uso degli strumenti informatici necessari nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali. Il laureato in Ingegneria Navale dovrà possedere la capacità di svolgere compiti e attività professionali autonome e di supporto nei seguenti ambiti: Armatoriale, con mansioni di assistenza alla gestione, alla riparazione e alla nuova costruzione delle navi, anche a livelli di dirigenza; Cantieri Navali, Arsenali, Officine, con tutte le mansioni da ingegnere navale, anche a livelli di dirigenza sia per le riparazioni sia per le nuove costruzioni (in quest’ultimo caso le mansioni possono essere anche a livello di progettazione, ma solo per elementi circoscritti di particolari costruttivi, e non per la progettazione generale di una nave); Registri di Classificazione, con tutte le mansioni svolgibili in un Ispettorato, nonché per le mansioni di controllo di disegni e progetti parziali a livello di Direzione Generale, purché definite entro gli ambiti del proporzionamento tabulare a norma delle Regole (restano escluse le funzioni di controllo per progetti particolari, per strutture proporzionate con calcolo diretto, per navi non convenzionali); Studi tecnici privati, con mansioni di ogni genere e livello a fiducia del responsabile dell’ufficio che sarà lui a firmare il documento finale a norma di legge (iscrizione all’albo degli ingegneri e all’albo delle Capitanerie di Porto); Ditte fornitrici di impianti navali, con tutte le mansioni che la Dirigenza della ditta vorrà affidargli, a seconda della fiducia che avrà saputo guadagnarsi; Enti di ricerca, per mansioni di carattere esecutivo, in quegli enti dove si svolgono attività sperimentali; Insegnamento, dopo la base formativa prevista dalla legge, sarà possibile accedere all'insegnamento di materie tecniche.

Guida dello studente Laurea Triennale

 Guida dello studente Laurea Magistrale